Escursioni in Puglia | Puglia Costa Ionica o Adriatica | Cartina Spiagge Salento Ionico | Grotte di Castellana Percorso | Meglio in Italia

Escursioni in Puglia

La Puglia è una regione che offre molte gemme da scoprire. Tra i tesori più preziosi, riconosciuti per il loro valore universale straordinario e protetti a livello internazionale, ci sono attualmente ben quattro siti UNESCO. Uno di essi, la Faggeta Vetusta della Foresta Umbra, appartiene alla categoria natura, mentre i rimanenti tre, il Santuario di San Michele Arcangelo, Castel del Monte e i Trulli di Alberobello fanno parte della categoria cultura. Che siate appassionati di natura, storia, cultura o altro, queste meraviglie uniche al mondo meritano assolutamente di essere visitate.

La Faggeta Vetusta della Foresta Umbra, nel Parco Nazionale del Gargano, è in ordine di tempo l’ultimo sito pugliese ad essere stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità. L’iscrizione è avvenuta nel 2017 per la sua eccezionale bellezza e importanza biologica, nonché per la sua importanza storica e culturale. Si tratta del più grande bosco di faggi dell’Italia meridionale, ma la rilevanza di questo luogo va ben al di là della sua estensione. Per dare un’idea di quanto siano straordinari questi alberi è sufficiente menzionare che alcuni hanno raggiunto un’età di oltre 500 anni ed un’altezza di oltre 40! All’ombra di questi veri e propri monumenti della natura prospera una grande varietà di specie animali e vegetali, molte delle quali rare o endemiche. Il paesaggio qui si rinnova in ogni stagione, offrendo ai visitatori uno spettacolo sempre diverso e sempre meraviglioso: in primavera l’esplosione di colori data dalle tante fioriture; in estate, la sensazione refrigerante dell’ombra; in autunno, i colori cangianti delle foglie e i profumi dei funghi; in inverno, un manto di neve che crea una scenografia da fiaba.

La Faggeta e la Foresta Umbra nel suo insieme rivestono una grande importanza anche per il patrimonio culturale che custodiscono. Ci riferiamo in particolare alla transumanza, una pratica antichissima che consiste nello spostamento stagionale del bestiame dalle zone di pianura a quelle di montagna e viceversa. Questo antico rito ha contribuito a plasmare il paesaggio, la cultura e l’economia della Puglia dando vita ad un patrimonio immateriale ricco di tradizioni, leggende e racconti.

Del patrimonio culturale del Gargano fa parte anche il Santuario di San Michele Arcangelo, dichiarato Patrimonio dell’Umanità nel 2011 per la sua importanza religiosa e storica. Si tratta infatti di uno dei più importanti luoghi di pellegrinaggio della cristianità con una storia antica di millenni. Il santuario suscita nei visitatori un senso di meraviglia, sia per la sua posizione maestosa sulla cima della montagna da cui si gode di un panorama mozzafiato sul Mare Adriatico; sia per la sua magnifica architettura romanica con influssi bizantini che attraversa secoli di storia. Numerose sono le celebrazioni religiose a cui i pellegrini possono partecipare, immergendosi in un’esperienza spirituale intensa e commovente. Probabilmente è questa combinazione di bellezza naturale e spiritualità a rendere il Santuario di San Michele Arcangelo una meta unica nel suo genere.

Lasciamo ora il Gargano per spostarci nel cuore della Puglia Imperiale e ammirare un’altra meraviglia architettonica: Castel del Monte, uno dei simboli più famosi della Puglia e sito UNESCO dal 1996. L’elegante fortezza si erge maestosa su una collina come una corona sul capo di un sovrano. Dalla sua sommità lo sguardo abbraccia una vasta pianura con coltivazioni a perdita d’occhio fino a intravedere il mare oltre le colline. Difatti il maniero fu commissionato dall’imperatore Federico II per celebrare la sua supremazia sulla regione. Oltre che per la sua architettura unica, caratterizzata da un’armoniosa fusione di stili e da un’assoluta simmetria, Castel del Monte è celebre per il fascino antico che esercita su chiunque lo visiti. Si dice che ogni elemento della costruzione, dalla sua posizione geografica alla forma ottagonale, sia associato a significati esoterici in grado di stimolare la mente e lo spirito. Una visita guidata vi aiuterà a scoprire molti di questi simboli e riferimenti, ma non scalfirà l’aura di mistero che avvolge questo luogo magico.

Raggiungiamo la Valle d’Itria per scoprire i Trulli di Alberobello, probabilmente il sito UNESCO più famoso della Puglia. La dichiarazione di Patrimonio dell’Umanità risale al 1996, grazie alla loro unicità architettonica e storica. Questi iconici edifici costituiscono un esempio di costruzione in perfetta armonia con l’ambiente e forse il segreto del loro fascino risiede proprio nella loro semplicità. Ci troviamo davanti ad una bellezza senza tempo ed è per questo che visitare i trulli è un’esperienza che tocca il cuore e l’anima.

Queste piccole abitazioni rurali, con tetti a forma di cono, sono costruite con la tecnica della pietra a secco, ossia senza l’utilizzo di malta o cemento, impilando una sopra l’altra, con estrema sapienza e precisione, le pietre reperibili. Una tecnica antichissima che in Valle d’Itria ha raggiunto la sua massima espressione nei muretti a secco realizzati per creare terrazze coltivabili in collina, per delimitare e irrigare i campi e naturalmente per costruire i trulli. “L’arte dei muretti a secco” è iscritta nella lista del Patrimonio Immateriale Transnazionale in quanto rappresenta una conoscenza tradizionale antichissima condivisa da diverse culture nel mediterraneo e non solo.

fonte viaggiareinpuglia


La Puglia è una regione dell’Italia meridionale che offre una varietà di paesaggi e opportunità per l’escursionismo. Sebbene sia più conosciuta per le sue spiagge e le sue città storiche, la Puglia ha anche molte zone naturali ideali per l’escursionismo. Ecco alcune delle migliori aree e luoghi in cui fare escursioni in Puglia:

Parco Nazionale del Gargano: Questo parco nazionale si trova nella regione del Gargano, nota come "il promontorio d’Italia". Offre una vasta gamma di sentieri escursionistici attraverso foreste di pini, montagne calcaree, laghi e spiagge nascoste. Puoi esplorare il Monte Sant’Angelo e la Foresta Umbra.

Costa Adriatica: La Puglia ha una lunga costa sull’Adriatico, e molti sentieri costieri offrono escursioni panoramiche lungo le scogliere e le spiagge. Località costiere come Polignano a Mare e Otranto sono ottime per escursioni costiere.

Parco Regionale delle Dune Costiere da Torre Canne a Torre San Leonardo: Questo parco si trova nella zona delle dune costiere e offre sentieri escursionistici attraverso le dune, la macchia mediterranea e le aree umide. È un luogo ideale per l’osservazione della fauna selvatica.

Parco Regionale delle Murge: Questo parco si trova nell’entroterra della Puglia ed è caratterizzato da paesaggi collinari, gravine e grotte. Puoi esplorare sentieri escursionistici che attraversano la zona delle Murge, visitando città come Altamura e Matera.

Valle d’Itria: Questa zona è famosa per i suoi trulli, le antiche costruzioni conici, e offre sentieri escursionistici che attraversano uliveti e campi di fiori. Puoi visitare città come Alberobello e Locorotondo.

Parco Regionale del Gargano e delle Isole Tremiti: Oltre al Gargano, questo parco comprende anche le Isole Tremiti nell’Adriatico. Puoi esplorare le isole e fare escursioni attraverso le scogliere e le spiagge.

Monti delle Murge: Queste colline si trovano nell’entroterra della Puglia e offrono sentieri escursionistici attraverso boschi e paesaggi collinari. Puoi esplorare il Monte Caccia e il Monte Sannace.

Prima di intraprendere qualsiasi escursione in Puglia, è importante pianificare attentamente, avere una mappa adeguata e rispettare le regole locali. Verifica le condizioni dei sentieri e le regole specifiche di ogni area protetta prima di partire per un’escursione. L’escursionismo in Puglia ti permetterà di scoprire una varietà di paesaggi e di immergerti nella bellezza naturale della regione.