Arte e cultura in Abruzzo | Amiternum Abruzzo | Eventi Santuario san Gabriele | Chiese Romaniche in Abruzzo | Meglio in Italia

Arte e cultura in Abruzzo

La Basilica di Collemaggio

La basilica di Collemaggio si trova in una zona collinare di L’Aquila.  E’ situata al centro tra Porta Bazzano, che è il principale accesso orientale alla città, e l’ex terminale del Tratturo Magno che andava da L’Aquila a Foggia.
La storia dice che l’eremita Pietro Angeleri da Morrone, che qui fu incoronato papa Celestino V il 29 agosto del 1294, ha voluto costruire il tempio.
Nel 1275, mentre il frate si recava al Concilio di Lione in Francia, la Vergine stessa apparve al santo monaco in una sosta sul luogo chiamato "Collemadio" e gli disse di voler costruire una chiesa in onore della Vergine Maria sul posto.
La Porta Santa, chiamata così nel XV secolo, si trova sul lato sinistro della basilica, ricordando le porte sante romane associate ai riti dell’Anno Santo.
È stato realizzato prima del 1397, anno in cui è stato realizzato l’affresco nella lunetta di Antonio da Atri che mostra la Vergine col Bambino tra San Giovanni Battista e San Pietro Celestino con la Bolla della Perdonanza.
Uno stemma raffigurante un’aquila, che è il simbolo della città, si trova sopra l’archivolto. Ogni anno, dalla sera del 28 agosto al 29 agosto, la porta si apre per l’annuale Giubileo aquilano, che è accompagnato da una folla costante di fedeli che partecipano a confessioni, veglie di preghiera e celebrazioni liturgiche.


Il Castello Piccolomini

Il Castello Piccolomini è una residenza fortificata con un blocco centrale rettangolare perfettamente simmetrico e quattro torri angolari merlate nei punti cardinali. Fu costruito come fortezza militare alla fine del 1400 dal conte Pietro Berardi, e fu poi ampliato dalla nipote Covella da Celano.
Il museo è suddiviso in otto sale espositive su un unico piano e suddiviso in varie sezioni tematiche, tra cui scultura (lapidea e lignea), pittura (murale, su tela e su tavola) e oreficeria. Le meravigliose opere sono state realizzate nel territorio marsicano tra il VI e il XVIII secolo.
Dopo il sisma del 6 aprile 2009, il Museo Nazionale dell’Abruzzo ha fornito opere artistiche di grande importanza al Museo d’Arte Sacra della Marsica.
Sono di grande rilievo le due porte lignee intagliate del 1200; il prezioso trittico di Alba Fucens, che presenta minuziose miniature e presenta la croce degli Orsini del 1334. Inoltre, il castello ha una sezione archeologica dedicata alla Collezione Torlonia.
Questa collezione di reperti è stata reperita alla fine del XIX secolo durante il prosciugamento del lago Fucino voluto dal principe Alessandro Torlonia. Il rilievo in pietra calcarea del II secolo d.C. che mostra la città e il suo territorio è molto notevole e interessante.www.musei.abruzzo.beniculturali.it


Casalincontrada - Case di Terra Cruda

La raccolta include documentazione grafica e fotografica delle case in terra cruda abruzzesi e italiane, con un’appendice sulle tecniche di costruzione adottate in questo settore da paesi del Nord Africa e dell’Europa.
La facoltà di Architettura dell’Università "G. d’Annunzio" di Chieti e l’associazione "Il Sabato del Villaggio" di Chieti hanno iniziato una ricerca sul fenomeno delle case di terra cruda in Abruzzo tra il 1984 e il 1985.
Hanno anche fatto riferimento a metodi simili che sono ancora in uso nei paesi del Nordafrica.
L’amministrazione comunale ha iniziato la raccolta di quanto esposto nel centro con l’obiettivo di recuperare e valorizzare il patrimonio locale.
Le informazioni sono state migliorate attraverso l’acquisizione dei dati dal censimento delle case di terra cruda in Abruzzo, organizzato dalla Provincia di Chieti e dalla Regione Abruzzo negli anni 1997/1999, nonché dall’archivio fotografico realizzato con le campagne fotografiche della XVII edizione.www.casediterra.com


L’Abruzzo, una regione ricca di monumenti storici che testimoniano la sua ricca storia e cultura. Ecco alcuni dei monumenti storici più notevoli in Abruzzo:

Castello di Rocca Calascio: Questo antico castello situato nel comune di Calascio è uno dei più alti d’Europa. La sua costruzione risale al X secolo ed è situato in una posizione panoramica spettacolare nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.

Castello di Pacentro: Pacentro è un incantevole borgo medievale e il suo castello domina la città. Le sue origini risalgono al IX secolo e offre una vista panoramica sul Parco Nazionale della Majella.

Basilica di Santa Maria di Collemaggio: Questa basilica a L’Aquila è un capolavoro dell’arte romanica abruzzese ed è famosa per la sua facciata decorata con inserti di marmo e per il suo interno affrescato.

Castello di Celano: Questo castello situato a Celano è un’imponente struttura medievale costruita nel XIII secolo. Ospita il Museo d’Arte Sacra della Marsica.

Città di Sulmona: Questa città è famosa per il suo centro storico ben conservato, con edifici medievali, piazze eleganti e un’atmosfera affascinante. Il complesso di San Francesco, con la chiesa e il chiostro, è un punto culminante.

Chiesa di San Bernardino a L’Aquila: Questa chiesa è un esempio straordinario dell’architettura rinascimentale in Abruzzo. È dedicata a San Bernardino da Siena e presenta una facciata riccamente decorata.

Castello di Ortona: Situato sulla costa adriatica, il Castello di Ortona offre una vista panoramica sulla città e sul mare. La sua costruzione risale al XIII secolo.

Santuario del Volto Santo a Manoppello: Questo santuario è famoso per la Santa Faccia, un velo che si crede sia il volto di Cristo. È un importante luogo di pellegrinaggio.

Scavi archeologici di Alba Fucens: Questo sito archeologico è ciò che resta dell’antica città romana di Alba Fucens. Include resti di un anfiteatro, un tempio e mura cittadine.

Chiesa di San Tommaso a Ortona: Questa chiesa risale al XIII secolo ed è un esempio di architettura romanico-gotica. Contiene affreschi medievali notevoli.

Questi sono solo alcuni dei monumenti storici che puoi trovare in Abruzzo. La regione è ricca di storia e offre molte altre attrazioni culturali e storiche da esplorare.