Scopri la Natura della Basilicata | Parco Nazionale Dell'appennino Tosco - Emiliano | Fauna Della Basilicata | Flora e Fauna Della Basilicata | Meglio in Italia

Scopri la Natura della Basilicata

La Basilicata è celebre per i suoi spazi verdi e le spiagge dorate, che costituiscono il suo punto di forza. Il paesaggio variegato comprende aree protette, campi assolati, calanchi suggestivi e imponenti dighe. La regione vanta due parchi nazionali (Pollino e Appennino Lucano Val d’Agri Lagonegrese) e tre parchi regionali (Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane, Chiese Rupestri del Materano e Vulture). Questi spazi verdi arricchiscono l’offerta naturalistica della Basilicata, rendendola adatta a tutti i tipi di visitatori.

Parco Nazionale del Pollino

Il Parco Nazionale del Pollino, esteso tra Basilicata e Calabria su oltre 192 mila ettari, è l’area protetta più vasta d’Italia e una delle più variegate dal punto di vista paesaggistico. Il nome deriva dalla cima del massiccio del Pollino, chiamato "Mons Apollineum" dai Greci, immaginando il Pollino come l’Olimpo della Magna Grecia.
Il parco è suddiviso in cinque vallate principali: Mercure, Frido, Sarmento, Serrapotamo e Sinni, ed è un tesoro di bellezze naturali, sapori e storia. La sua vegetazione varia in fasce altitudinali e spicca per la presenza di specie come il Pino Loricato, visibile sulla cima di Serra di Crispo.
Nelle pianure carsiche, si possono ammirare varietà di fiori, tra cui orchidee, genziane e narcisi. La fauna del parco è altrettanto ricca, con 12 specie di rapaci e mammiferi come il lupo e il cervo.
Il Pollino è anche un luogo di cultura e tradizioni, con musei che conservano memorie storiche e tradizioni della civiltà contadina e delle comunità arbëreshë. Rotonda, la porta d’ingresso al parco, offre delizie culinarie come la melanzana DOP e i peperoni cruschi IGP.
Tra le mete preferite ci sono il Santuario della Madonna del Pollino, i borghi di San Paolo Albanese e San Costantino Albanese, e Valsinni, legato alla poetessa Isabella Morra. Nel parco, si svolgono antichi riti arborei come i "matrimoni tra gli alberi". Per gli amanti dell’avventura, ci sono numerose attività all’aperto e il famoso Ponte tra i Due Parchi, uno dei ponti tibetani più lunghi al mondo. I cicloturisti apprezzano le strade del parco per un’esperienza slow immersa nella natura.

Parco Naturale Regionale del Vulture

istituito nel 2017, è la più giovane delle aree protette della Basilicata. Il suo nome deriva dal Monte Vulture, un vulcano inattivo da millenni, la cui cima ospita i suggestivi Laghi di Monticchio, come quadri impressionisti di Monet.
La vegetazione del parco comprende boschi di castagni, lecci, faggi, abeti bianchi e altri alberi, nascondendo torrenti e cascate, come le spettacolari cascate di San Fele. Le sorgenti idrominerali di Rionero in Vulture producono acque utilizzate dalle Terme di Rapolla.
La fauna del parco è variegata, con specie protette come rapaci, anfibi, rettili e uccelli d’acqua. Tra i rapaci vi sono il Gufo Reale, il Nibbio Bruno e il Falco Pecchiaiolo. Il parco ospita anche una specie unica di farfalla notturna, la Bramea di Hartig, sopravvissuta per oltre 750.000 anni.
Oltre alla natura, il parco offre arte, chiese, castelli, tradizioni e prodotti agricoli legati al terreno vulcanico. Il Castello Federiciano di Melfi ospita il Museo Archeologico del Melfese, mentre il Palazzo Vescovile di Melfi è la sede del Museo Diocesano. Il Santuario di San Donato a Ripacandida è noto per gli affreschi di scuola giottesca.
Il parco è anche famoso per le sacre rappresentazioni della Settimana Santa, come la Processione dei Misteri di Barile. Qui si produce l’Aglianico del Vulture Doc e Docg, insieme a olio extravergine di oliva "Vulture" Dop e miele. Numerose attività all’aperto, dall’equiturismo al cicloturismo, sono praticabili nel parco, offrendo un’esperienza completa immersa nella natura.

La costa Ionica

Le spiagge della costa ionica lucana, tra Metaponto e Nova Siri, offrono paesaggi di rara bellezza. Questa striscia costiera, con circa trentacinque chilometri di spiagge dorate e acque cristalline, è circondata da una natura incontaminata.
Metaponto è il primo tratto di costa che si incontra, situato tra le foci dei fiumi Bradano e Basento, cuore della Magna Grecia. Verso sud, si trova Marina di Pisticci, con spiagge più selvagge e incontaminate rispetto a Metaponto. Il borgo è circondato dal Porto degli Argonauti, da cui è possibile partire per emozionanti escursioni alla scoperta dei tesori della Basilicata.
Proseguendo verso sud, tra le foce dei fiumi Agri e Sinni, si trova il Lido di Policoro, l’antica Herakleia, un altro importante centro della Magna Grecia. Qui si trova il Porto turistico di Marina di Policoro, parte di Marinagri, una moderna città ecologica che si fonde con il mare. Questo porto, considerato il più grande e attrezzato del Mar Ionio, offre servizi e assistenza alle imbarcazioni, con una disponibilità di circa 750 posti barca da 6 a 40 metri.
Chiudono questa meravigliosa costa ionica lucana le spiagge di Marina di Rotondella e Marina di Nova Siri, quest’ultima prendendo il nome dalle antiche origini della regione Siritide. Con la sua combinazione di storia, mare e natura incontaminata, questa costa è un luogo straordinario per gli amanti della bellezza e della tranquillità.

La costa Tirrenica

La Costa Tirrenica della Basilicata offre uno spettacolo naturale di gole, insenature e maestose falesie. Questo tratto costiero è noto per le sue scogliere a picco sul mare cristallino, le spiagge incontaminate e le calette nascoste accessibili solo via mare.
Lungo questa costa, è possibile esplorare numerose grotte marine, tra cui la Grotta delle Meraviglie a Marina di Maratea, una delle gemme naturalistiche della regione con formazioni di stalattiti e stalagmiti che creano un ambiente speleologico unico. Scoperta negli anni ’20 da lavoratori che costruivano una strada statale, questa grotta è una delle più piccole e meglio conservate d’Italia.
Maratea, situata nel Golfo di Policastro, è una località affascinante ricca di tesori storici e naturali. Conosciuta come "Thea maris", la Dea del mare, dai Greci, Maratea vanta reperti archeologici risalenti all’epoca greca e romana. L’isola di Santo Janni, di fronte a Marina di Maratea, ha rivelato numerosi reperti come anfore, ancore e vasche utilizzate per la produzione e il commercio del garum, una salsa tipica dell’antichità fatta con le interiora del pesce.
La bellezza di Maratea si estende dal centro storico al Redentore, con la sua iconica statua di marmo di Carrara che domina il panorama. Il territorio si sviluppa fino alla costa di Castrocucco, dove si trova un porto ben attrezzato per imbarcazioni di grandi dimensioni.
La Costa Tirrenica è caratterizzata da splendide spiagge come Acquafredda, Fiumicello e la Spiaggia Nera, così chiamata per la sabbia scura. Castrocucco, la Spiaggia d’U Nastro di Cersuta e altre calette nascoste sono raggiungibili solo via mare, ideali per il relax e la pesca subacquea. Questa zona offre anche molte opportunità per sport acquatici e attività all’aperto.
Con le sue coste selvagge, la Costa Tirrenica lucana è un autentico paradiso terrestre, dove il profumo della macchia mediterranea si mescola con quello del mare, creando un’atmosfera unica e inebriante.


La Basilicata è una regione caratterizzata da una bellezza naturale unica e una diversità ambientale che spazia dalle montagne alle coste del Mar Ionio. Ecco una panoramica della natura della Basilicata:
Montagne: Gran parte della Basilicata è occupata da catene montuose. I monti più importanti sono l’Appennino Lucano e il Massiccio del Pollino, che è condiviso con la Calabria. Queste montagne offrono opportunità per l’escursionismo, l’alpinismo e l’osservazione della fauna selvatica.

Parchi Nazionali e Riserve: La Basilicata ospita il Parco Nazionale del Pollino, che è uno dei parchi nazionali più grandi d’Italia. Questo parco è famoso per la sua biodiversità e le sue vaste foreste, ed è ideale per l’escursionismo e l’osservazione della fauna selvatica. La regione è anche sede di altre aree protette, tra cui il Parco Regionale di Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane e il Parco Regionale di Monte Cotugno.

Coste e Spiagge: La Basilicata ha una costa sul Mar Ionio, che offre spiagge di sabbia e scogliere pittoresche. Località costiere come Maratea e Policoro sono popolari tra i visitatori estivi. Le coste offrono anche opportunità per attività come il nuoto, lo snorkeling e la vela.

Parchi Naturali e Riserve Marine: La regione ospita riserve marine lungo la sua costa, tra cui la Riserva Naturale Marina di Policoro, che è importante per la conservazione della vita marina.

La Basilicata è una regione relativamente poco conosciuta, ma offre una bellezza naturale straordinaria e una varietà di opportunità per gli amanti della natura e delle attività all’aperto. È un luogo ideale per coloro che desiderano esplorare paesaggi mozzafiato, fare escursioni e immergersi nella cultura e nella storia della regione.